SERVIZI
CONTATTI
CHIAMACI
02.97375065
VALUTA CASA GRATIS
+02 97375065
VENDUTIHOME STAGINGNEWS

Permuta immobiliare: funzionamento, rischi e vantaggi.

Molto spesso, chi si trova a dover acquistare la sua prima casa opta per un appartamento non troppo grande, in modo tale da riuscire ad estinguere il mutuo in tempi ragionevoli e non troppo lunghi.
Tuttavia, col passare del tempo, la famiglia potrebbe allargarsi a causa di una nuova nascita, ad esempio. Pertanto, le esigenze cambiano e il proprietario dell'immobile ha necessità di rivendere l'appartamento per trasferirsi in una soluzione con una metratura più elevata.
In questi casi, a sua disposizione vi è un'opzione molto utile e facilmente attuabile: la permuta immobiliare.
Di cosa si tratta, come funziona, quali sono i rischi legati a tale procedura e che dire dei vantaggi derivanti da essa?
Analizziamo la risposta a ciascun quesito in questa breve ma interessante guida!


Dai un occhio anche ai nostri immobili e scegli la soluazione più adatta alle tue esigenze!


Permuta immobiliare: di cosa si tratta?

La permuta immobiliare non è altro che lo scambio legale di un immobile con quello di un'altra persona disciplinato dall'articolo 1552 del codice civile, secondo il quale la permuta è il contratto che per oggetto ha il trasferimento bilaterale della proprietà di cose o di altri diritti.
Tuttavia, è bene specificare che questa procedura non può essere definita una compravendita, dal momento che quest'ultimo caso prevede il versamento di una somma che viene erogata al proprietario precedente dell'immobile che si intende acquistare.
La permuta, al contrario, scongiura il pagamento di una cifra, configurandosi come un semplice scambio di case; tuttavia, nel caso in cui le due proprietà dei contraenti abbiano un valore diverso, affinché avvenga uno scambio equo, il proprietario che possiede l'immobile con il valore più basso versa un conguaglio che compensa la differenza di prezzo.
Che dire dei vantaggi della permuta immobiliare?

Quali sono i vantaggi?

I vantaggi degni di nota della permuta immobiliare sono sostanzialmente di tipo economico; in che senso?
Tale procedura permette di risparmiare sulle spese notarili, indispensabili in corrispondenza di una normale compravendita di proprietà che prevede la stipula di ben due atti.
A differenza di questa operazione, la permuta immobiliare include la ratifica di un solo atto di compravendita, le cui spese solitamente vengono divise tra i proprietari degli immobili scambiati.
Non solo, in molti casi la permuta immobiliare riesce a scongiurare l'accensione di un mutuo: a seconda della tipologia di scambio di immobili, qualora, ad esempio, entrambi posseggano lo stesso valore, è possibile unicamente sostenere le spese notarili senza l'incombente necessità di rivolgersi ad un istituto di credito per un mutuo.
Pertanto, è chiaro che, prima di procedere con la permuta immobiliare, uno step fondamentale sia l'attentissima selezione dell'immobile da scambiare: riuscendo ad optare per uno che abbia lo stesso valore di quello in possesso e che permetta di soddisfare le proprie esigenze in modo efficace, è possibile evitare l'accensione di un mutuo.
Tuttavia, la permuta immobiliare prevede anche dei rischi: quali?

Permuta immobiliare: i rischi

Uno dei rischi più importanti riguardanti la permuta immobiliare è sicuramente legato all'acquisizione di un immobile gravato da un'ipoteca o da un mutuo non ancora estinto.
Questo, ovviamente, rende la procedura della permuta un po' più complicata, in quanto l'immobile dev'essere privo di mutui o ipoteche per poter essere scambiato.
Spesso, tali operazioni richiedono delle tempistiche non propriamente brevissime; tuttavia, un notaio competente ed esperto potrebbe riuscire ad individuare per tempo queste situazioni e consentire di evitarle.
Una seconda tipologia di rischio è legata alle condizioni in cui versa l'immobile selezionato per la permuta: è opportuno specificare, però, che è responsabilità di colui che intende scambiare l'immobile quella di visitarlo di persona per verificarne lo stato, onde evitare spiacevoli imprevisti.

Le tasse imponibili

Che dire delle imposte che devono essere pagate quando si tratta di permutare un immobile?
Una delle principali è l'imposta di registro, una tassa che viene calcolata basandosi sul valore generato dall'appartamento in questione; più esso è alto, maggiore sarà l'importo della tassa.
L'imposta può essere elevata anche quando l'immobile è di per sè soggetto a speciali aliquote maggiorate.
Nel caso in cui due immobili siano delle prime case, l'imposta di registro è la medesima per entrambi e si assesta sul 2% del valore catastale della casa con il maggior valore.
Viste le imposte che devono essere sostenute affinché la permuta immobiliare vada a buon fine, tale procedura può tranquillamente essere ritenuta conveniente per coloro che hanno intenzione di acquistare un appartamento senza accollarsi un mutuo, per chi ha in possesso una casa vacanza e desidera un nuovo immobile o per i proprietari di antiche case di famiglia, non più abitate per varie ragioni.
In linea generale, prima di gettarsi a capofitto nella permuta immobiliare, può essere una soluzione oculata quella di rivolgersi ad un intermediario competente che sia realmente in grado di presentare un ampio ventaglio di opzioni tra gli immobili offerti sul mercato di riferimento, tenendo presente che si tratta di una fetta molto più piccola rispetto a quella degli affitti o delle normali vendite.
In questo modo si potrà operare una scelta vantaggiosa e in linea con le proprie esigenze.

Fonti: immobiliare.it, casa.it

Richiedi una valutazione gratuita del tuo immobile ora.
Compila il form






    Useremo i tuoi dati SOLO per la valutazione dell'immobile e dopo verranno cancellati

    Ti potrebbe interessare anche:
    VENDUTO
    l pagamento dell’ Imu per la seconda casa è ancora attivo nel 2023 o esistono delle casistiche per le quali il contribuente può esentarsi dal pagamento di tale imposta o ottenerne una riduzione? Cerchiamo di capirlo insieme. 
    VENDUTO
    Una questione particolarmente “spinosa” nell'ambito di una compravendita è rappresentata dalla possibilità di vendere casa con un inquilino dentro. Per approcciarci a tale iter saremo costretti a porci delle domande ben precise e a rispettare determinate regole.
    VENDUTO
    Cercando di proporre un quadro sintetico ma completo, entreremo nel merito delle casistiche in cui si applica la plusvalenza immobiliare, le modalità di tassazione e il relativo calcolo dell’importo in questione e delle relative detrazioni applicabili. 
    crossmenuchevron-downcross-circle