SERVIZI
CONTATTI
CHIAMACI
02.97375065

L’ Agenzia Immobiliare online

VALUTA CASA GRATIS
NUOVE COSTRUZIONIVENDUTI

Ecobonus casa 2023: tutti i dettagli.

L'Ecobonus casa 2023 è caratterizzato da diverse detrazioni fiscali di cui possono usufruire i cittadini che vogliono effettuare degli interventi di tipo strutturale per riqualificare, dal punto di vista energetico, il proprio edificio o per metterlo in sicurezza, trasformandolo in antisismico.

Le detrazioni fiscali, che sono valide ai fini IRPEF, riguardano anche l'installazione di impianti solari con pannelli fotovoltaici e di colonnine per ricaricare i mezzi elettrici. Per quanto concerne le regole, non sono stati introdotti cambiamenti rispetto allo scorso anno.

Infatti, la nuova legge di bilancio non ha apportato modifiche per quanto concerne i requisiti e i parametri. Sarà, quindi, possibile accedere a tali agevolazioni fino al 31 dicembre del 2024.

Vediamo quali sono tutti i dettagli principali che riguardano l'Ecobonus casa 2023.

Ecobonus casa 2023: di cosa si tratta

L'Ecobonus introdotto dallo Stato italiano è un tipo di agevolazione fiscale riservata a chi intende riqualificare la propria abitazione dal punto di vista energetico. Possono accedere a questo bonus i cittadini che effettuano precisi interventi sul proprio immobile.

Le agevolazioni attualmente attive sono quelle del 50% e del 65% e variano in base al tipo di lavoro svolto sull'immobile. Esistono alcune eccezioni in cui questa percentuale di detrazione può salire. In alternativa, infatti, è possibile richiedere l'accesso al Superbonus che, nella nuova formula, prevede uno sconto che arriva a un tetto massimo del 90%.

Il governo italiano, tramite l'Ecobonus, ha l'obiettivo di raggiungere risultati specifici, ovvero la riduzione dell'uso di combustibili fossili (puntando sulle energie rinnovabili). Inoltre, si cercherà di dare una spinta alla crescita del settore edile nazionale.

Il funzionamento dell'Ecobonus è piuttosto semplice. In base al tipo di intervento effettuato si ha l'opportunità di ottenere il rimborso di una precisa percentuale dei costi sostenuti. Le opzioni attualmente disponibili, per poter ricevere indietro la somma spesa, sono: sconto in fattura, l'uso della detrazione attraverso la dichiarazione dei redditi e, infine, la cessione del credito.

Grazie a questi interventi, le famiglie italiane potranno diminuire la spesa relativa al consumo mensile di energia, soprattutto per il riscaldamento. Oltre a un risparmio di denaro, si potrà ottenere un miglioramento termico dell'immobile. I lavori che consentono di raggiungere tale risultato possono essere: sostituzione di infissi, installazione di impianti fotovoltaici, la sostituzione dei vecchi climatizzatori o la coibentazione.


Leggi anche:


Anche nel 2023 arriva la conferma delle aliquote

Molti cittadini sono curiosi di capire se sono stati apportati cambiamenti per le aliquote. La risposta è che restano uguali allo scorso anno e sono le seguenti:

  • 50% per il cambio degli infissi, le schermature solari e la biomassa;
  • 65% per tutte le altre spese incluse nell'Ecobonus.

Quando si effettuano i lavori in parti comuni di un condominio l'importo da detrarre dall'IRPEF può arrivare a una percentuale che va dal 70% al 75%.

Per interventi e spese che riguardano l'involucro dell'immobile, il bonus può salire al 70% e al 75% se il fine dei lavori è il miglioramento della spesa energetica, sia per la stagione estiva che per quella invernale.

Quale tipologia di edifici rientra nell'agevolazione dell'Ecobonus casa 2023


Si può ottenere l'accesso all'Ecobonus casa 2023 se gli interventi vengono realizzati su immobili già esistenti e appartenenti a qualsiasi tipo di categoria catastale e destinazione d'uso. In più, deve trattarsi di ambienti riscaldati.

Come previsto già lo scorso anno, è possibile effettuare i lavori anche su edifici non residenziali.


È possibile usufruire dell'Ecobonus casa 2023 al 50% e al 65% per tutti quei contribuenti "assoggettati all'imposta sul reddito sulle persone fisiche (IRPEF)". L'agevolazione è aperta ai cittadini residenti o non nel territorio italiano e si può applicare alla prima o seconda casa. Inoltre, possono accedervi anche coloro che sono titolari di reddito d'impresa.

Bisogna precisare, a tal proposito, che l'Ecobonus casa 2023 è aperto a diversi beneficiari e, quindi, non soltanto ai proprietari degli edifici in cui verranno effettuati gli interventi di riqualificazione energetica. Questi sono:

  • persone fisiche, inclusi "esercenti arti e professioni e i nudi proprietari";
  • tutti coloro che detengono un diritto reale di godimento;
  • i titolari di reddito d'impresa (in questo caso l'agevolazione riguarda solamente i fabbricati usati ai fini dell'attività imprenditoriale);
  • chi ha un contratto di comodato d'uso o di affitto;
  • tutti gli enti privati e pubblici che non effettuano attività di tipo commerciale;
  • le associazioni;
  • gli istituti autonomi per case popolari e cooperative.

Possono usufruire dell'Ecobonus casa 2023 anche altre categorie che, però, devono impegnarsi nel pagamento delle spese per l'esecuzione dei lavori che, ricordiamo, non possono essere realizzati su edifici destinati all'attività d'impresa. Si tratta di:

  • familiari conviventi con chi possiede o detiene la struttura su cui verranno eseguiti gli interventi di riqualificazione energetica;
  • il convivente "more uxorio" che non possiede l'edificio e non detiene un contratto di comodato d'uso.

Quali documenti servono per l'Ecobonus?

Per accedere all'agevolazione dell'Ecobonus 2023 bisogna utilizzare dei pagamenti tracciabili tramite bonifico postale o bancario.

I documenti obbligatori da presentare sono: l'asseverazione realizzata e firmata da un tecnico specializzato, che si prende la responsabilità di certificare che gli interventi vengano effettuati nel rispetto di tutte le norme; la scheda informativa relativa ai lavori svolti; l'APE post-interventi

Fonti: casa.it, idealista.it

Richiedi una valutazione gratuita del tuo immobile ora.
Compila il form






    Useremo i tuoi dati SOLO per la valutazione dell'immobile e dopo verranno cancellati

    Ti potrebbe interessare anche:
    VENDUTO
    Scopriamo ora in cosa consiste il comodato d'uso gratuito, come funziona, come deve essere regolato e quali sono i casi nei quali questo accordo potrebbe decadere.
    VENDUTO
    In questo articolo informativo, esploreremo l'argomento dell'esecuzione immobiliare, fornendo una panoramica delle tempistiche, della procedura e dei costi associati a questo processo legale
    VENDUTO
    Il preliminare di compravendita ha una valenza legale e al suo interno dovranno essere riportati gli elementi fondamentali del contratto di compravendita vero e proprio: entriamo nel dettaglio.
    crossmenuchevron-downcross-circle